10 Travel trend del 2018: le tendenze da conoscere nel settore turistico

Il mondo del turismo è in continua evoluzione. Scopriamo insieme quali sono i principali trend di quest'anno.

Come sappiamo il settore turistico è tutt’altro che un mercato statico. Secondo i dati forniti dall’Unwto (l’Organizzazione Mondiale del Turismo) il numero di turisti mondiali, nel 2017, è salito del 7% rispetto all’anno precedente.

Oltre a sottolineare la sua continua crescita, è bene tenere presente che questa va di pari passo con una veloce evoluzione. Quello che è stato di tendenza in passato, potrebbe esserlo nuovamente oppure sparire del tutto l’anno seguente. Ecco quali sono i 10 travel trend per questo 2018!

L’esperienza al centro

Una cosa che non cambia rispetto al 2017 è la ricerca, da parte dei viaggiatori, di esperienze uniche e autentiche. Che si tratti di viaggi culturali o di trekking nella natura non fa molta differenza. La priorità è far vivere al turista qualcosa che percepirà come irripetibile. È dimostrato che vivere delle esperienze uniche rende le persone felici più a lungo rispetto al fare dello shopping.

Serie TV e film sono fonti d’ispirazione

Credits: https://pixabay.com/it/la-fortezza-di-kils-fortezza-1787407/

Negli ultimi anni la diffusione di serie TV di ogni genere è aumentata moltissimo grazie ai servizi “on demand” che ne consentono la fruizione in qualsiasi momento.

È confermato che nel 2018 molte prenotazioni saranno guidate proprio dalla visione di queste serie. La forza evocativa delle immagini che si vedono sullo schermo si sta rivelando un nuovo modo di fare marketing per le destinazioni. Fa da apripista la serie TV “Il trono di spade” che, come rilevato anche da TTG Italia in questo articolo, sta facendo registrare un aumento di oltre il 250% delle prenotazioni verso l’Islanda e del 120% verso la Croazia, principali location in cui è stata girata.

In aumento anche le prenotazioni verso Albuquerque (New Mexico), città in cui si svolgono le vicissitudini della serie Breaking Bad, e verso Seattle (Washington) dove è ambientata la serie Grey’s Anatomy. Più in generale, secondo Federturismo, sono oltre 100 milioni le persone che si mettono in viaggio con lo scopo di andare a visitare i luoghi che fanno da sfondo alla serie TV preferita.

Le recensioni online piloteranno le prenotazioni

Credits: https://pixabay.com/it/ipad-mappa-compressa-internet-632394/

Secondo Trekksoft, 9 viaggiatori su 10 ritengono fondamentale leggere le recensioni di una determinata struttura o attività prima di prenotarla. Negli ultimi anni abbiamo visto crescere esponenzialmente portali come TripAdvisor, dove il posizionamento di un'attività nella classifica fa sicuramente la differenza in termini di prenotazioni.

Aumento dei viaggi “amarcord”

I ricordi dell’infanzia sono spesso una miccia che accende il processo decisionale che porta ad organizzare un viaggio.

Quest'anno sono sempre di più i viaggiatori che vogliono rivivere un viaggio fatto da bambini insieme alla propria famiglia, in un’atmosfera che raggiunge il perfetto equilibrio fra piacere e nostalgia.

Turismo LGBTQ e viaggi per donne sole in aumento

Credits: https://pixabay.com/it/fotografo-turistica-istantanea-407068/

Sono sempre di più le donne che viaggiano da sole, alla scoperta del mondo e di sé stesse in solitaria. Si tratta soprattutto di donne single, estremamente indipendenti, con una buona base culturale e la testa sulle spalle. Le mete preferite sono le capitali del Nord Europa, Australia e Canada perché ritenute “più sicure” rispetto, per esempio, al Centro e Sud America.

Crescente importanza stanno acquisendo anche le comunità LGBTQ alla ricerca di divertimento soprattutto nelle isole greche ed in quelle iberiche.

La diretta conseguenza di questi nuovi trend si concretizza nel fatto che si incontrano sempre più operatori a supporto di questo tipo di viaggiatori ed il trend è sicuramente in crescita anche per quanto riguarda l’offerta.

Importanza di evitare l’overtourism

Con il termine overtourism si intende il turismo selvaggio, quello che trasforma il viaggio, l’esperienza piacevole per antonomasia, in un inferno fatto di affollamento, lunghe attese e stress.

I viaggiatori si sono resi conto che è fondamentale cambiare approccio e avere il massimo rispetto dei luoghi visitati e delle persone che vi abitano. disincentivare questo tipo di comportamento.

Se da un lato, infatti, il turismo contribuisce all’economia ed al benessere sociale, dall’altro porta anche sovraffollamenti e, in alcuni casi, vero e proprio degrado. Sempre più turisti scelgono quindi di partire in periodi considerati di “bassa stagione”, in modo da poter godere maggiormente la propria vacanza.

Un occhio di riguardo al portafoglio

Questa è una tematica sempre attuale, ancor più in un periodo di crisi come quello appena attraversato ma che fortunatamente sembra essere giunto al termine. I viaggiatori che sono in procinto di organizzare un viaggio sono molto attenti ai tassi di cambio ed al costo della vita nella meta da loro prescelta.

La normalità saranno le prenotazioni tramite mobile

10 Travel trend del 2018: le tendenze da conoscere nel settore turistico
Credits: https://pixabay.com/it/ufficio-fiscale-business-finanza-620822/

La tendenza a prenotare online e da mobile, affermatasi dallo lo scorso anno, continuerà ad aumentare nel 2018. Sempre secondo Trekksoft oltre l’80% delle prenotazioni è stato effettuato online e quasi la metà di queste sono state fatte tramite dispositivi mobili. L’obiettivo degli operatori dovrebbe quindi essere quello di essere più fruibile a tutti questo processo, eliminando i possibili ostacoli (siti non accessibili da mobile, difficoltà nell'uso del booking engine, ecc.).

Aumentano i Millennials viaggiatori

Un trend emerso negli ultimi anni si riconferma anche per il 2018. Questi nuovi viaggiatori sono alla ricerca di esperienze uniche e personalizzate, ritenendo che il modo migliore per conoscere un luogo sia viverlo come la gente del posto.

In aumento tra queste nuove generazioni è anche il fenomeno del “travel bragging” ovvero il fatto di vantarsi del proprio viaggio sui social. Via libera quindi a selfie e post per farsi invidiare dagli amici.

Attenzione ai Baby Boomers

I Baby Boomers, la generazione nata tra il 1945 e il 1964, è al momento il segmento che gode di maggior tempo libero e disponibilità economica. Per questo i Baby Boomers viaggiatori sono una categoria in continua crescita. Viaggiano con la persona che amano e, a differenza degli anni passati in cui ricercavano soprattutto il relax, oggi cercano l’avventura. Sicuramente sarà un mercato che ci riserverà grandi sorprese.